Benvenuto a Ateneo Sant’Anselmo

Benvenuto a Ateneo Sant’Anselmo 2018-03-13T11:46:07+00:00
Missione
FAQ
Eventi
Mappe
Contatti

Cenni storici

Il Collegio di Sant’Anselmo in Roma, eretto per la prima volta da Papa Innocenzo XI con la Costituzione Apostolica Inscrutabili del 22 marzo 1687, distrutto invece dall’ingiuria del tempo nell’anno 1837, fu restaurato da Papa Leone XIII il 4 gennaio 1887. Il Collegio di Sant’Anselmo cominciò ad avere maggiore incremento quando fissò la sua dimora il primo novembre dell’anno 1896, negli edifici dell’Aventino, eretti grazie alla munificenza dello stesso Sommo Pontefice. In quel tempo anche i primi alunni esterni furono ammessi a frequentare le lezioni nel Collegio e poco dopo furono istituite tre facoltà: filosofica, teologica e giuridica. La facoltà di diritto canonico fu poi sospesa dall’anno 1928.

Papa Pio X, con Motu proprio, del 24 giugno 1914, confermò e fissò il diritto di conferire il dottorato e i gradi accademici, già concesso con sentenza orale da Papa Leone XIII, “affinché il Collegio… di Sant’Anselmo…, a somiglianza delle altre accademie esistenti a Roma, ottenga in perpetuo il privilegio di conferire tutti i gradi accademici sia in filosofia, sia in sacra teologia e in diritto canonico agli alunni del clero secolare e regolare che abbiano frequentato secondo la norma le lezioni del lodato Collegio nelle Facoltà ricordate, e che, avendo superato un esame davanti ai Professori del Collegio, abbiano conseguito la maggior parte dei suffragi”.

Nell’anno 1933, il giorno 15 gennaio, Papa Pio XI pregiò l’Istituto Accademico di Sant’Anselmo con il titolo di “Pontificio”. Con un decreto del 21 aprile 1934 la S. Congregazione per i Seminari e le Università degli Studi approvò gli Statuti del Pontificio Ateneo Anselmiano e prescrisse che fossero osservati. In seguito la stessa Sacra Congregazione il giorno 21 marzo 1952 approvò l’Istituto Monastico pertinente alla Facoltà di Teologia, che ora ha cura innanzitutto della specializzazione monastica, vista nel quadro storico e teologico. Questa specializzazione appartiene al secondo ciclo della Facoltà di Teologia.della Facoltà di Teologia.

Infine, presso il Pontificio Ateneo Anselmiano, fu eretto il Pontificio Istituto Liturgico, con decreto della S. Congregazione per i Seminari e le Università degli Studi promulgato il 17 giugno 1961 “affinché più convenientemente con metodo scientifico fossero istruiti sia i maestri delle discipline liturgiche sia i Direttori delle Commissioni Liturgiche delle singole diocesi”. Nello stesso anno, il giorno 17 giugno, dalla stessa Sacra Congregazione furono approvati gli Statuti del Pontificio Istituto Liturgico. Il giorno 14 maggio dell’anno del Signore 1973 la Sacra Congregazione per l’Educazione Cattolica approvò per un tempo determinato, in via sperimentale, i nuovi statuti del Pontificio Istituto, insieme all’istruzione “alcune norme” della stessa Congregazione. Con un decreto promulgato il 23 agosto 1978, la S. Congregazione per l’Educazione Cattolica riconobbe il Pontificio Istituto Liturgico come Facoltà di Sacra Liturgia.

I nuovi Statuti dell’Ateneo furono redatti dapprima, secondo l’Istruzione “alcune norme” nell’anno 1970, e approvati per un tempo determinato, in via sperimentale, dalla S. Congregazione per l’Educazione Cattolica il 14 maggio dell’anno 1973. Promulgata nell’anno 1979 la Costituzione Apostolica Sapientia Christiana, gli Statuti furono di nuovo recensiti ed approvati in via sperimentale per un triennio il 2 aprile 1982, dalla stessa S. Congregazione.

Missione e Visione

Sant’Anselmo è l’università benedettina internazionale a Roma. Attraverso la sua attività accademica, ricerca e formazione Sant’Anselmo desidera:

  • Offrire un’educazione superiore benedettina di alta qualità aperta a tutti.
  • Approfondire la comprensione di valori benedettini tali come la dimensione comunitaria, la celebrazione liturgica, la teologia e la spiritualità biblica e patristica, la riflessione teologica incarnata nella vita concreta e mirante allo sviluppo integrale dell’uomo, il dialogo ecumenico, interreligioso e interculturale.
  • Assicurare la rilevanza dei valori benedettini nel mondo contemporaneo.

FAQs

All’Ateneo Sant’Anselmo può studiare chiunque sia interessato alle tematiche degli studi qui proposti. Per iscriversi al primo ciclo di studi bisogna possedere un diploma di scuola superiore che dia accesso all’università nel proprio paese di provenienza . Per il secondo e terzo ciclo, è necessario aver acquisito il grado accademico del ciclo precedente. Ci si può anche iscrivere per ottenere un certificato non accademico. Informazioni più dettagliate si possono trovare sul sito di Sant’Anselmo nella sezione Segretaria.

Gli scritti presso il nostro ateneo sono quasi 700 studenti. Circa la metà degli studenti sono legati ai programmi del Pontificio Istituto Liturgico.

Sant’Anselmo, come università pontificia, non emette diplomi riconosciuti dallo stato italiano. I diplomi dalla facoltà di teologia sono riconosciuti come titoli adeguati per accedere all’insegnamento della religione.

Per partecipare all’assegnazione di una borsa di studio bisogna seguire la procedura indicata nella sezione “borse di studio”. L’Ateneo permette di accedere a vari tipi di sostegno, a copertura sia totale sia parziale, dati per merito a tutti gli studenti che ne hanno bisogno. Per ulteriori informazioni contattare: ufficiorettore@anselmianum.com

Il nostro ateneo – come anche il collegio – è un progetto benedettino. Sant’Anselmo è il teologo (e filosofo) più significativo nella storia dell’ordine benedettino – come San Tommaso per nell’ordine dei domenicani. La nostra offerta accademica segue lo stile del suo insegnamento che rimane una proposta molto originale e sempre più attuale nella Chiesa e nel mondo. Continuando la tradizione patristica, Sant’ Anselmo propone una cooperazione tra vita di fede e attività intellettuale. Egli è il precursore della “teologia monastica”, o sapienziale, che cerca di collegare tra loro l’attività puramente intellettuale e speculativa, quella spirituale, mistica, liturgica e l’esperienza esistenziale.

eventi
Mappe e indicazioni