Gli studenti e l’amministrazione della Theologisches Studienjahr Jerusalem (Scuola di Teologia di Gerusalemme), che attualmente risiedono e studiano a Sant’Anselmo, durante il loro “esilio” da Gerusalemme indotto dal Covid, hanno incontrato Papa Francesco, in Vaticano, il 18 dicembre. Padre Nikodemus Schnabel, OSB, Prefetto, e la Prof.ssa Johanna Erzberger, Decana del programma, hanno organizzato la visita, nata da un’idea stravagante dei loro studenti.

P. Nikodemus spiega: “Quando teniamo i nostri studi regolari a Gerusalemme, sono incaricato di organizzare le visite ai Patriarcati greco-ortodossi, armeni e latini, e alle altre gerarchie delle diverse Chiese. Lo scorso ottobre, il nostro gruppo ha avuto la fortuna di ricevere una visita del Patriarca di Gerusalemme dei Latini, S.E. Mons. Pierbattista Pizzaballa, OFM, qui a Sant’Anselmo. In seguito, gli studenti hanno scherzato sul fatto che sarebbe stato bello se avessero potuto fare visita al Vescovo di Roma, Papa Francesco. Così ho iniziato a indagare, facendo delle telefonate per provare a chiedere l’incontro. Ho pensato che soprattutto ora, durante la pandemia del Covid-19, Papa Francesco non poteva ricevere tante persone come fa normalmente, e che avrebbe avuto più tempo per un’udienza con noi.

“Così, il 18 dicembre, in tarda mattinata, ci siamo sentiti onorati di avere un’udienza con il Papa! Mi aspettavo solo un piccolo raduno, ma il Vaticano ha deciso di renderlo molto ufficiale, ha chiamato una squadra con le telecamere e ha scritto un discorso, lo ha tradotto dall’italiano in inglese, spagnolo e tedesco, e lo ha pubblicato sul sito web. Sono rimasto abbastanza sorpreso, ma credo che ciò sia riuscito per la nostra associazione e affiliazione con Sant’Anselmo – l’Abate Primate Gregory Polan come Gran Cancelliere del nostro programma, così come il Rettore Bernhard Eckerstorfer e il Priore Mauritius Wilde, ci hanno accompagnato. Il nostro programma è legato all’ultima Enciclica di Papa Francesco, Fratelli Tutti, che affronta esattamente l’argomento del nostro programma: il Dialogo. Il nostro programma comprende luterani, cattolici e studenti riformati in dialogo con l’ebraismo, l’islam e i non credenti”.

P. Nikodemus è un monaco dell’Abbazia della Dormizione, in cui è stata fondata la Theologisches Studienjahr Jerusalem, e dove ha sede normalmente. Padre Laurentius Klein, dell’Abbazia della Dormizione, che ha fondato il programma nel 1973, credeva che si dovesse studiare la Bibbia nel paese della Bibbia. Come ha detto Klein, “Proprio come gli studenti di silvicoltura devono fare degli stage nella foresta, così i teologi dovrebbero studiare la Bibbia nel paese della Bibbia”.

Il presidente del programma Laurentius Klein, la Decana Johanna Erzberger, osserva che gli studenti studiano una vasta gamma di argomenti riguardanti la Bibbia, tra cui l’archeologia, l’ecumenismo, le Chiese orientali, l’ebraismo e islam. “Ovviamente, a Gerusalemme, abbiamo accesso immediato a tutte queste cose”. E ha aggiunto: “Inoltre, data la speciale storia tedesca, ci concentriamo fin dall’inizio sul dialogo tra cristiani ed ebrei. Riteniamo che sia molto importante dare a ogni nuova generazione una visione degli aspetti ecumenici di questa relazione, nonché del dialogo con l’Islam, con il pensiero politico e con i non credenti”.

Il programma Theologisches Studienjahr Jerusalem, dal punto di vista accademico, fa parte della Facoltà di Teologia dell’Ateneo Sant’Anselmo e, poiché si è tenuto da settembre a dicembre proprio a Sant’Anselmo, i legami tra le due istituzioni potrebbero essere rafforzati.

Discorso di Papa Francesco, con foto, IT

Discorso di Papa Francesco, con foto, DE

Discorso di Papa Francesco, con foto, EN

Discorso di Papa Francesco, con foto, ES

Sito web del Theologisches Studienjahr Jerusalem, DE

Facoltà di Teologia dell’Ateneo Sant’Anselmo

Foto per gentile concessione di Theologisches Studienjahr Jerusalem, Rector P. Bernhard A. Eckerstorfer e Lisa Bunoza