Caricamento Eventi
Questo evento è passato.
programma pdf |IT|

In ottemperanza al DPCM del 9 marzo 2020, la giornata di studi, “L’abate benedettino: un leader tra storia e modernità”, in calendario il prossimo 28 marzo 2020, è stata rinviata.

Sarà nostra premura comunicare la nuova data della presentazione.


Nel Maggio del 2017 venne presentato al Pontificio Ateneo Sant’Anselmo il libro Il monastero come azienda di Alessandro Paglia, editore Strategy & People. Il libro propone l’originale chiave di lettura della Regola di San Benedetto su base strutturale-aziendalistica al posto di quella classica basata sui valori, sicché sono emersi nuovi aspetti e altre aperture di significati della Regola che hanno incentivato alcuni approfondimenti.

Sono state svolte giornate di studio sul tema “ San Benedetto costruttore” con relatori della facoltà di ingegneria delle università La Sapienza e di Cassino-Lazio Meridionale presso Anselmianum e sul tema “La cultura militare nella Regola di San Benedetto” con relatori dell’università La Sapienza, dell’Anselmianum e dell’ Istituto Studi Militari Marina presso l’Arsenale di Venezia.

Ora è la volta di approfondimenti sul tema “L’abate benedettino : un leader tra storia e modernità” prendendo lo spunto dai capitoli sull’abate manager e imprenditore del libro del Paglia, dove la modernità della figura dell’abate emerge dal confronto con le più accreditate scuole manageriali dei nostri tempi.

Fernando Rivas OSB apre i lavori con l’analisi del capitolo 2 della Regola interamente dedicato alla figura dell’abate vicario di Cristo, padre, pastore, medico, maestro e giudice, dispensatore della casa di Dio, fratello amoroso di tutti. Una figura straordinaria, “un personaggio eterno nella memoria degli uomini” secondo J.L. Borges.

Alessandro Paglia, dopo aver delineato il monastero come scuola di formazione permanente illustra le caratteristiche della leadership degli abati che la teoria sociologica delle élites consente di leggerne l’importanza millenaria nella storia della Chiesa e nella storia degli Stati come l’Inghilterra fino all’Atto di Supremazia di Enrico VIII del 1535.

Francesco Salvestrini, storico dell’Ordine benedettino di Vallombrosa, illustra il carisma della magnificenza dell’abate Atto da Pistoia, una delle figure più interessanti e meno conosciute del XII secolo.

Giorgio Paglia, sottolinea l’importanza della “governance” di sostegno e di sviluppo per tutti i collaboratori e dei rapporti con gli “stakeholder” esterni per un’azienda che voglia essere chiara, trasparente e sicura nella sua struttura. Condizioni queste che si ritrovano nella Regola con la definizione dei ruoli, ambiti di competenza e responsabilità incoraggiati nell’espletamento dalla leadership dell’abate.

Il contributo della giornata di studi viene sottolineato in conlusione da Riccardo Pedrizzi ed è dedicato ai responsabili di azienda con invito a riflettere sulla leadership abaziale per meglio orientarsi nel proprio lavoro e indicare ai teorici e storici di management che l’abate come capo è valido per ogni tempo e in ogni luogo.

programma pdf |IT|